Home » MOSTRE 2018

MOSTRE 2018

2. TRIENNALE di VENEZIA

 

2. TRIENNALE DI VENEZIA

"Il grido della Terra: Verità nascoste"

 

Curatore: Nevia Capello

Co-curatore: Diego Valentinuzzi

 

 28 settembre - 29 dicembre 2018

 

 

 

AUSTRIA

Elisabeth Rass

Herwig Maria Stark

 

 

CINA

Zhu Peihong

 

 

FINLANDIA

Anneli di Francis

 

 

GERMANIA

Hans Joachim Kasselmann

Josef Lange -Grumfeld

Hella Nohl

Ricarda Peters

Gunter Pusch

Berta-Maria Reetz

Dagmar Schenk-Güllich

Günther Sponheuer

Cordula Steinhoff

Antje Tesche-Mentzen

 

 

ITALIA

Leonardo Beccegato

Giuseppe Denti

Gianfranco Donati

Jessica Gabbai Poliakoff

Valeria Grinfan Toderini

Luigi Leaci

Grazia Maria Massa

Margherita Mauro

Silvano Mercur

Liviana Nicol

Antea Pirondini

Pino Rasile

Claudia Raza

 Silvana Scarpa

Rita Tripodi

Diego Valentinuzzi

Riccardo Zancano

 

 

LIBANO

Lotti Adaimi

 

 

RUSSIA

Irina Ganiceva

 

 

SLOVENIA

Sandra Kump Crasnich

Emilija Stark

 

 

 

 

In nome della libertà nell’arte è stata fondata, nel 2015, la Triennale di Venezia con il sottotitolo di “Natura nutrix – homo vorax”. Tema fondamentale era dunque l’inquinamento della Terra e le tragiche conseguenze che ne derivano.

 

L’argomento però non si è in sé esaurito, poiché ci troviamo ora davanti a situazioni politico-economiche che, se non arginate in tempo, rischiano di portare il mondo alla catastrofe. Con il titolo di “Il grido della Terra. Verità nascoste”, intendiamo non solo riprendere il tema ecologico, ma anche ampliarlo.

 

Vediamo innanzitutto le ragioni basilari che ci inducono a lanciare un nuovo appello: che cosa farebbe l’umanità senza le grandi foreste equatoriali che ci forniscono l’ossigeno indispensabile alla vita?

Il nostro pianeta sta soffrendo per una serie di cause evidenti che noi qui chiameremo verità nascoste.

È proprio il grido della Terra quello che vogliamo raccogliere; partendo dal disumano sfruttamento delle foreste pluviali indonesiane, grande patrimonio di biodiversità, nelle quali i numerosi incendi rappresentano una notevole minaccia per le molteplici specie autoctone, è evidente come l’uomo sia tutt’oggi poco incline alla salvaguardia del territorio e testimone di un sistema industriale impassibile di fronte all’emergenza ambientale.

 

Il grido della terra riecheggia anche tra i fondali marini e le falde acquifere, dove lo smaltimento illegale di farmaci e rifiuti di genere compromette la principale fonte di vita del pianeta: l’acqua, e nuoce, in particolar modo, alle creature marine.

 

Non solamente l’acqua, ma anche l’atmosfera risente delle emissioni di sostanze inquinanti diffuse principalmente da innumerevoli automobili, inadatti inceneritori ed enormi navi da crociera che, data la grande fuoriuscita di gas e materiali di scarto, pregiudicano l’ambiente e la salute.

 

È l’uomo stesso, però, che esercita una crescente influenza sulla situazione ambientale e climatica alimentando il surriscaldamento globale, causa dello scioglimento dei ghiacci e innalzamento dei livelli del mare, conseguenze che avrebbero pesanti ripercussioni sulle risorse idriche e su moltissime aree costiere a rischio di scomparire completamente, prima tra queste proprio Venezia.

 

Questa breve analisi si offre come spunto, al fine invitare gli artisti da tutto il mondo ad esprimere la propria sensibilità sul tema alla Triennale di Venezia 2018.

Sarà nostra premura comunicare tutte le indicazioni necessarie circa le modalità di partecipazione all’esposizione che avrà luogo nella prestigiosa cornice di Palazzo Albrizzi dal 15 Maggio al 30 Novembre 2018.

 

Ufficio Stampa

Palazzo Albrizzi

Venezia

 

INFO:

ACIT Venezia

Associazione Culturale Italo-Tedesca

Palazzo Albrizzi

Cannaregio 4118

30121 Venezia

www.acitvenezia.eu

 

 

 

Per questo motivo la mostra voleva essere un richiamo, quasi un risveglio delle coscienze, invitando artisti espositori e fruitori della mostra a riflettere. La risposta è stata oltremodo positiva e vi hanno aderito con le loro opere artisti di vari continenti, soprattutto europei, con una grande presenza tedesca. Non sono mancate però rappresentanze svedesi, francesi, americane e asiatiche.

 

 

 

 

2. TRIENNALE DI VENEZIA

 

“Il grido della Terra. Verità nascoste.”

 

(“The cry of the Earth. Hidden truths)

 

 

Nevertheless, the topic did not dry up as we are still facing dangerous and risky situations which could drive our Planet into an irreversible disastrous period. With the title “Il grido della Terra. Verità nascoste” (The cry of Earth. Hidden truths) we mean to consider this topic again, going deeper and broadening our ecological perception.

 

First of all, let’s raise some question that persuaded us to launch a new appeal: what would humanity do without the green lung that the equatorial forests provide us with? Our planet is suffering from a plurality of reasons to which we are going to refer as “hidden truths”.

 

As a matter of fact, we want to reap these cries. The terrible exploitation of Indonesian rain forests, precious source of biodiversity, and their constant fires constitute a huge threat against countless native species. It is quite evident how humanity is absolutely not inclined to environment protection and safeguard and we are, moreover, witnesses of an even more brutal industrial system, impassive in front of an environmental emergency.

 

The cry of our planet is echoing even among seabed and aquifers, where the illegal waste disposal of medications and rubbish is compromising our vital source of life, water, particularly harming sea creatures.

 

It is not only water, but also the atmosphere to feel the effects of polluting substances, mainly given off by countless cars, unsuitable incinerators and huge cruise ships that endanger environment and our health with their gas leakage.

 

Nevertheless, it is still humanity to negatively affect the environmental and climate situation by increasing global warming, which causes the ice to melt and seas to rise, consequences that could have ponderous effects on water sources and coastal areas, Venice in the first place.

 

This brief analysis tries to set out a starting point through which we are inviting artists from all over the world to express their sensitivity on this topic  at Venice Triennale 2018.

 

We will opportunely communicate all necessary information about registration and admission procedure that will take place after having considered your artworks.

 

The art curator

Nevia Pizzul-Capello

 

 

per informazioni: tel. 041 2410491/0415225475

E-mail: palazzoalbrizzi@gmail.com

 

0 Immagini

Pressefoto Bayern 2017: i migliori scatti

Pressefoto Bayern 2017: i migliori scatti - ACIT VENEZIA

Una mostra del Goethe Institut e del BJV (Ordine dei giornalisti della Baviera)

8 dicembre 2018 - 20 gennaio 2019

 

Nell’autunno del 2017 l’ordine dei giornalisti della Baviera (BJV) ha indetto il XXVIII concorso

fotogiornalistico Pressefoto Bayern. Seguendo una buona tradizione la Presidente del Land,

Barbara Stamm, anche questa volta ha dato il suo patrocinio.

 

I fotografi e le fotografe provenienti da tutte le regioni della Baviera si sono candidati con

circa 1000 fotografie per aggiudicarsi il titolo di Foto giornalistica dell’anno 2017 e per

conquistare la vittoria nelle categorie Serie, Baviera – Il Land e la sua gente, Attualità

del giorno, Cultura, Sport, Ambiente & Energia e Giovani leve.

Per i giovani fotoreporter, inoltre, il BJV quest’anno ha indetto per la sesta volta il premio per i principianti.

 

Il BJV dà voce a oltre 7400 persone impiegate principalmente come giornalisti in Baviera,

battendosi per la qualità nel giornalismo e per dare un futuro al lavoro del giornalista. A tale

proposito il concorso Pressefoto Bayern fornisce un importante contributo, richiamando

l’attenzione sul lavoro di qualità di fotoreporter professionisti. Il lavoro documentario nella

rappresentazione dell’attualità bianco-blu va ben al di là degli avvenimenti contingenti.

 

Sono in mostra le 28 foto dei vincitori del concorso. La mostra girerà in vari posti d’Italia,

con l’intento di rafforzare la conoscenza e la considerazione per il fotogiornalismo.

 

Orario d'apertura: dal lunedì al sabato, 10:00-13:00/15:00-18:00

per informazioni: tel. 041 5225475

E-mail: palazzoalbrizzi@gmail.com

Typisch Deutsch - Typisch Italienisch 2019

Typisch Deutsch - Typisch Italienisch 2019 - ACIT VENEZIA

Mostra fotografica "Typisch Deutsch - Typisch Italienisch"

A.C.F. La Tangenziale

in collaborazione con il Nürberger Photoklub

5 gennaio - 5 febbraio 2019 () prorogata al 28 febbraio)

 

La mostra fotografica “Typisch Deutsch-Typisch Italienisch” riveste un particolare ruolo socio-culturale, quale punto d’incontro di due gruppi di fotografi rappresentanti le loro città nell’ambito di un accordo di cooperazione stipulato tra Venezia e Norimberga, al fine di condividere caratteristiche, collegamenti storici e problematiche comuni, rafforzare le relazioni e la solidarietà tra le due città. E proprio alla luce di una tale promozione è nata la mostra,  progettata e realizzata dal Photoklub di Norimberga in stretta collaborazione con “La Tangenziale di Venezia/Mestre, presieduta da Giancarlo Keber.

I fotografi veneziani, antesignani in questo scambio, sono stati invitati dall’antica Città Anseatica a esporre colà i loro lavori.  Il loro è stato un percorso inverso all’approdo del Dürer a Venezia, primo grande viaggiatore di un’epoca nella quale questo itinerario assumeva un valore altamente formativo.

Ora tocca agli amici fotografi tedeschi di perfezionare il progetto, chiudendo a Venezia  il percorso iniziato ed esponendo a fianco dei soci della Tangenziale  le loro fotografie a Palazzo Albrizzi-Capello.

 

Certo l’immagine che Tedeschi ed Italiani riportano reciprocamente l’uno dell’altro è spesso modellata su clichées. La maggior parte dei Tedeschi nutre l’idea  di un’Italia stereotipata in cui dominano sole, mare, arte e cultura, la moda, il calcio, l’ottimo cibo e squisito vino.

 

L’Italia, da parte sua, conosce la forza economica della Germania. Conosce i classici della letteratura tedesca, e naturalmente la grande musica tedesca. Ma ben poco sa dello stile di vita dei suoi abitanti.  Tipicamente tedesco-Tipicamente italiano ci induce ad approfondire i caratteri di due popoli tanto diversi per temperamento, eppure così vicini nel sentire.  Gli scatti, frutto di una ricerca mirata nella cornice del quotidiano, mettono in luce la diversità di un modus vivendi velata da un senso di ironia.

Nevia Pizzul-Capello

il presidente

 

per informazioni: tel. 041 5225475

E-mail: palazzoalbrizzi@gmail.com

FRANZ BEER. Opere scelte

FRANZ BEER. Opere scelte - ACIT VENEZIA

Fino al 26 febbraio 2019 è visitabile la mostra di Beer nelle sale

del piano nobile di Palazzo Albrizzi-Capello

con il seguente orario: 10:00-13:00/15:00-18:00

Festivi chiuso

Ingresso libero

nuova mostra - agosto 2018

nuova mostra - agosto 2018 - ACIT VENEZIA

 

SABATO 18 AGOSTO - ore 18.00

 

Vernice della Mostra

 

“I know my checkens”

 

di Francesca Falli

 

grafica e designer

 

Intermezzo Musicale

Letizia Michielon

Musiche di F. Chopin e L. Michielon

 

Ingresso libero

Orario: 10:00-13:00/15:00-18:00

ACIT VENEZIA

ACIT VENEZIA